• Erika

La nuova stagione, i nuovi obiettivi, i nuovi prezzi.


Scrivo questo post al volo, mentre mangio uno di quei risotti in busta liofilizzati e cerco di riorganizzare le idee.

Come vi ho accennato nel post in cui vi parlavo della fine dell'estate, ci sono stati giorni "un po' così" dove oltre allo scoramento, non è mancata la confusione.

Il fatto è che le cose, rispetto all'anno scorso, si sono ingigantite come farebbe una valanga, un piccolo sassolino ha cominciato a rotolare, aumentando le sue dimensioni in maniera esponenziale: in pratica un anno e mezzo fa facevo sconosciuti mercatini di provincia, ora sono artigiana con partita iva, shop on line e punti vendita fisici in espansione. Da urlo!

Non fraintendete il tono di ciò che sto dicendo, sono super super super felice e soprattutto orgogliosa di me stessa, perché per la prima volta in vita mia posso davvero dire di aver imbastito qualcosa contando solo sulle mie forze (menzione speciale per Fede - mio marito - che mi appoggia sempre e senza il quale probabilmente non farei quello che faccio, perché non sarei diventata quella che sono oggi, perché non me ne fregherebbe un fico secco di niente).

Ma, dicevo, sono orgogliosa di come sto gestendo le cose, sentendomi solopreneuse al 100%.

Ogni tanto però, questa cosa del fare tutto da soli genera pressione... e a me la pressione solitamente mi manda in pappa il cervello, prima di mettermi il turbo.

La prima settimana di settembre è stata così: cucivo, ma cucivo senza capire bene cosa avrei fatto nelle settimane successive e nei mesi a venire. Avevo fatto programmi molto prima, ma ora non mi ci ritrovavo più.

E navigare a vista non va bene.

Ho cercato di fare il punto della situazione e mi sono resa conto che come al solito mi stavo facendo più problemi del dovuto e che si trattava solo di riorganizzare le idee (per fortuna quelle non mancano davvero mai nella mia testa) e le novità.

Mi sono seduta a tavolino e ho messo nero su bianco le mie priorità, i miei progetti e tutto ciò che serve per raggiungere i miei obiettivi. E sto puntando in alto, è bene che questo sia chiaro da subito: non voglio gestire una semplice produzione handmade come ormai ce ne sono tante, voglio portare avanti un brand di prestigio. E sto lavorando duro perché ho capito che le premesse, le potenzialità e gli agganci ci sono tutti.


Quando ho aperto partita iva, a Maggio, mi sono immediatamente scontrata con la dura realtà. Mi è stato fatto notare subito che tra le prime cose di cui mi sarei dovuta occupare c'era un aggiornamento dei prezzi perché, in vista di tutte le spese che avrei dovuto sostenere (tasse, inps, pec, commercialista, tanto per citare le prime che mi vengono in mente), i prezzi dei miei articoli - considerata anche la qualità dei materiali e della fattura - non erano adeguati, erano prezzi "da hobbista" (se mi davano una sberla in faccia mi facevano meno male). Insomma, mi è stato fatto capire senza troppi complimenti che andando avanti così non ci sarei stata dentro mai e poi mai.

Ne ho preso atto, ma ho fatto comunque di testa mia! Mi sono detta che per quei primi mesi estivi avrei mantenuto gli stessi prezzi che avevo in precedenza, considerandoli come veri e propri "prezzi di lancio" perché cambiare in quel momento, soprattutto in vista dell'estate dove, si sa, le vendite diminuiscono, non sarebbe stato saggio.

Li ho mantenuti anche consapevole del fatto che, le vendite ai negozi (che mi pagano un prezzo da ingrosso) non mi avrebbero portato alcun tipo di guadagno: su quegli articoli avrei praticamente fatto una patta. Ma andava bene così: è giusto fare le cose con metodo e non fare scelte avventate, fare in modo che il brand, con il tempo, venga conosciuto e stimato... ritengo giusto insomma farsi un minimo "il nome" prima di avanzare delle vere e proprie pretese.

Ora quei mesi sono passati, l'estate è ormai finita e il marchio Pretty in Mad ha girato un bel po' sia in rete che non. Durante l'estate ho preso contatto con nuovi fornitori e acquistato nuovi materiali per far fare un salto di qualità alla produzione. Ed anche questo ha un costo. La nuova stagione è cominciata ed è arrivato il momento, per me, del giro di boa:

il fantasma dell' hobbismo viene cacciato definitivamente da questo studio creativo e da qui in poi si fa sul serio.

Così, Lunedì 14 settembre comincerò ad inserire piano piano gli accessori che sto producendo con le nuove fantasie, e ci sarà l'aggiornamento prezzi. Sono sempre stata sincera con voi che credete in me, mi supportate e mi seguite con affetto, perché ritengo che meritiate correttezza e onestà, quindi mi sono sentita in dovere di spiegarvi come stanno le cose! Spero di essere stata esaustiva!

Ma... c'è un MA!!!

Fino a Domenica 13 Settembre compresa, i prezzi non subiranno alcuna modifica e potrete ancora acquistare gli articoli presenti sullo shop al prezzo di lancio!! (anche quelli scontati) Inoltre, UDITE UDITE, inserendo il codice FREESHIPPING al check out sullo shop bigcartel, otterrete le spese di spedizione gratuite in tutta Italia!


Che dite?

Alla prossima <3

Erika